David Sterza – Fumane (VR)

di Marco De Tomasi e Pietro Cortiana

David Sterza, coadiuvato dall’enologo e socio Paolo Mascanzoni, conduce questa piccola realtà in località Casterna, comune di Fumane.

Lo stile è decisamente moderno, con vini dal frutto bene in evidenza e caratterizzati da un uso misurato del legno piccolo, filo conduttore di tutta la gamma aziendale. Uno stile dunque basato sull’immediata piacevolezza del sorso che ad una lettura distratta potrebbe essere liquidato come “piacione”.

In realtà in degustazione i vini si svincolano rapidamente da tale accusa potenziale, evidenziando fin dalle prime battute sostanza, carattere,  e la particolare cura di David e Paolo per il lavoro in vigna, che assicura loro un materia prima di qualità tale da poter reggere il legno nuovo senza venirne sopraffatta e senza cedere ad inutili appesantimenti sul fronte della bevibilità.

Uno stile moderno ed intransigente ben sottolineato dall’etichetta d’ingresso, rappresentata da un Valpolicella Classico Superiore Ripasso (nessuna concessione quindi a interpretazioni “leggere” dei Valpolicella) e che trova la sua espressione più nitida nell’Amarone della Valpolicella Classico 2005.

Valpolicella Classico Superiore Ripasso 2008: da uve Corvina, Rondinella e Corvinone, completate da una piccola percentuale di Oseleta. Colore rosso rubino con riflessi violacei, al naso presenta fitti sentori di frutta matura.  Giovane e non ancora completamente svolto, in bocca è ricco e si caratterizza per una chiarezza espressiva che non cede mai alla tentazione di facili ammiccamenti verso il “fratello maggiore”.

Corvina Veronese 2007: le uve Corvina (80%) e Corvinone (20%), al naso piccoli frutti rossi sotto spirito, con rispondenza esemplare in bocca. Tannini ben presenti, quelli dell’uva sono ammorbiditi dall’apporto del legno nuovo. Sensazioni calde. Vino austero, è il meno immediato della gamma e forse quello che più necessita di un ulteriore affinamento in bottiglia.

Amarone della Valpolicella Classico 2005: naso ricchissimo, molto ampio, frutti di bosco in confettura, spezie dolci, cuoio. In bocca è “burroso” ma con tannini astringenti, che sostengono una notevole progressione e lunghezza. Grande bevibilità.

Rosso Veronese Pagoda 2006: Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah in parti uguali, appassite. Vino voluto da David e Paolo per “preservare” le uve Corvina e Corvinone che confluiscono nell’altro vino i.g.t. (vedi sopra). Da una parte quindi il territorio, qui invece la libera interpretazione delle uve alloctone presenti in azienda. Esercizio di stile: è il più caricaturale dei vini dell’azienda, decisamente ammiccante, leggermente squilibrato dal punto di vista dell’alcol. Ma perfettamente godibile e di sicura presa su un pubblico non troppo smaliziato. Non essendo riusciti ad inquadrarlo bene durante il nostro incontro in azienda lo abbiamo assaggiato a distanza di qualche giorno sfruttando una bottiglia appositamente acquistata.

Recioto della Valpolicella Classico 2005: un buon Recioto, piccoli frutti rossi, marasche e poi interessanti sensazioni floreali. Bocca di buona freschezza, con frutto, tannino e zuccheri in evidenza a tutto vantaggio della bevibilità e dell’allungo. Non scontato.

Va reso infine merito al listino: difficile trovare in zona vini di tale qualità e consistenza a prezzi inferiori. Si va dai 7 euro per Ripasso e Corvina, 10 per il Pagoda, fino ai 15 (!) euro per l’Amarone e ai 12 per il Recioto (0,375).

David Sterza
Via Casterna, 37
37022 – Fumane (VR)
tel. 045 7704201
Ettari vitati: 4
Bottiglie annue prodotte: 25.000

0 thoughts on “David Sterza – Fumane (VR)

  1. DAVID STERZA : degustati a Vieni in Villa : Valp. Classico Superiore Ripasso, Amarone, Recioto e Rosso Veronese Corvina Appassimento Breve 2007 … Mi sono piaciuti tutti i vini anche se credo di dover sbilanciarmi con la mia preferenza proprio su quest’ultimo. L’ho trovato un vino intrigante, meno immediato degli altri ma molto interessante. E’ stata anche la prima volta che ho provato la corvina in purezza ( … o quasi … ). Qualità-prezzo … forse unica ( ma mi sa che saranno da degustare tutti i vini della Valpolicella prima di sbilanciarsi con affermazioni azzardate … ) per un produttore di quella zona !!! Cosa dire … un grazie ancora a Marco e Pietro che ci hanno fatto scoprire un’altra bella cantina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *