E arriva il momento in cui qualcuno dovrebbe farsi delle domande …

di Marco De Tomasi

Qualche giorno fa scrivevo in merito all’uso strumentale e trionfalistico della parola-contenitore “spumante”, contrapposta alla parola “Champagne”.

La foto che vedete qui sotto me l’ha fornita un lettore, e da sola dimostra tre cose.

ListinoProsecco

La prima che l’uso di aggettivi generici, calderoni dove mettere tutto e il contrario di tutto, fa dei danni (ma questo ve l’avevo già spiegato).

La seconda è che in Italia “spumante” e “prosecco” stanno ahimé diventando sinonimi.

La terza è che i consorzi ne devono ancora fare di strada sul fronte di una comunicazione efficace ed identitaria.

E a questo punto, chiunque minimamente addentro alle cose e dotato di buon senso dovrebbe cominciare a porsi dei quesiti.

A questo proposito magari una svegliatina ce la dà Alfonso Cevola nel suo blog anglofono On the Wine Trail in Italy che, per chi non è aduso all’idioma di Albione, è stato giustamente rilanciato con ulteriori considerazioni da Franco Ziliani sul suo Vino al Vino.

Perché se questo listino è quanto di più approssimativo e scorretto possa esistere la colpa non è (solo) del titolare del locale.

Il Prosecco si è infilato in un cul de sac e non rendersene conto significa fare la fine dei lemming in migrazione.

Trascinandosi dietro anche chi con il Prosecco non centra nulla.

5 thoughts on “E arriva il momento in cui qualcuno dovrebbe farsi delle domande …

  1. Grazie Marco, un ulteriore e/orrore é che questo è il listino bevande, poi ci sono anche i vini.. Questo è ancora più serio.. La banalizzazione del prosecco significa anche non riconoscerlo più come vino.

    Dan

  2. A parte gli errori, ma ormai sono talmente abituato che quasi non ci faccio caso, la cosa a mio avviso più abberrante è il prezzo delle bibite. Un gingerino costa come un vino, un Martini costa due volte un Prosecco. Chi si alza alla mattina per andare a lavorare un campo forse non apprezza che il suo vino costi come una miscela di acqua, zucchero e coloranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *